Home page

ARCHIVIO
Anno
Volume
Fascicolo





Volume 31 - Anno 2019 - Numero 6

Use of hormones in doping and cancer risk

OPEN ACCESS


doi:10.7416/ai.2019.2319

di M. De Santi, G. Baldelli, G. Brandi and GSMS-SItI and WDPP

scarica l'OPEN ACCESS

Hormones with anabolic properties such as growth hormone (GH) and insulin-like growth factor-1 (IGF-1) are commonly abused among professional and recreational athletes to enhance physical ability. Despite their adverse effects are well-documented, the use of GH and IGF-1 has recently grown. This article highlights the anabolic activity related to mechanisms of cancer development and progression. GH/IGF-1 axis is able to activate cellular mechanisms that modulate every key stage of cancer formation and progression, such as inhibition of apoptosis, resistance to treatments, and induction of angiogenesis, metastatic process and cell proliferation. Results from pre-clinical studies and epidemiological observations in patients with an excess of GH and IGF-1 production or treated with these hormones showed a positive association with the risk to develop several types of cancer. In conclusion, athletes should be made aware that long-term treatment with doping agents might increase the risk of developing cancer, especially if associated with other licit or illicit drugs and/or high-protein diet


Riassunto

Utilizzo di ormoni nel doping e rischio di cancro
Ormoni con proprietà anaboliche come l’ormone della crescita (GH) e il fattore di crescita insulino-simile-1 (IGF-1) sono comunemente usati sia da atleti professionisti che amatoriali, per migliorare le capacità fisiche. Nonostante i loro effetti collaterali siano ben documentati, l’uso di GH e IGF-1 è recentemente cresciuto. Questo articolo evidenzia come l’attività anabolica sia legata ai meccanismi di sviluppo e progressione del cancro. L’attività sinergica di GH e IGF-1 è in grado di attivare meccanismi cellulari che modulano ogni stadio chiave della formazione e della progressione del cancro, come inibizione dell’apoptosi, resistenza ai trattamenti, e induzione di angiogenesi, processi metastatici e proliferazione cellulare. I risultati di studi preclinici e osservazioni epidemiologiche in pazienti con eccessiva produzione di GH e IGF-1 o trattati con questi ormoni hanno mostrato un’associazione positiva con il rischio di sviluppare diversi tipi di cancro. In conclusione, gli atleti dovrebbero essere ben consapevoli che il trattamento a lungo termine con agenti dopanti può aumentare il rischio di sviluppare il cancro, specialmente se associato ad altre droghe lecite o illecite e/o dieta iperproteica.


Visualizza il file PDF






Società Editrice Universo s.r.l.
Via G.B.Morgagni, 1 - 00161 Roma - tel (06) 4402054 / (06) 44231171, (06) 64503500 fax (06) 4402033