Home page

ARCHIVIO
Anno
Volume
Fascicolo





Volume 31 - Anno 2019 - Numero 6

Physical activity as a key issue for promoting human health on a local and global scale: evidences and perspectives

OPEN ACCESS


doi:10.7416/ai.2019.2320

di M. Scatigna, S. D’Eugenio, V. Cesarini, L. Coppola, P. Lemma, L. Fabiani, V. Romano Spica

scarica l'OPEN ACCESS

Physical inactivity represents the fourth leading risk factor with the highest epidemiological impact on population health worldwide, as estimated by the epidemiological measures used in global surveillance systems as the Global Burden of Disease Study. Scientific research has provided compelling evidence to establish and clarify the causal relationships and to devise effective intervention strategies, including the development of both national and international recommendations and the planning of whole-of-system and integrated actions. Over the last few years, new paradigms have been identified, such as the distinction between physical inactivity and sedentary behaviour, the different methods to integrate enough levels of physical activity in daily life, and the relevance of sleep in normal lifestyle activities. The experience in programs planning and in their assessments has led to the definition of a whole-of-system and global approach for the promotion of an active lifestyle, specifically the Global Action Plan on Physical Activity 2018 – 2030 by the World Health Organization, with the definition of overlapping areas with further objectives of public health as established by the 2030 Agenda for Sustainable Development. Thus, the action plan aims to ensure access to inclusive and equitable opportunities for people to be physically active in their daily life (with reference to more socially disadvantaged groups, such as women, people with disabilities, people of low socioeconomic status) and to improve planetary health.


Riassunto

L’attività fisica quale elemento chiave della promozione della salute su scala locale e globale: evidenze e prospettive

L’inattività fisica costituisce uno dei quattro fattori a più forte impatto epidemiologico sulla salute mondiale, come stimato dalle misure epidemiologiche utilizzate in sistemi di sorveglianza globale, tra i quali il Global Burden of Diseases. L’evidenza scientifica accumulata negli ultimi decenni ha consentito di chiarire le relazioni di causalità e definire modalità di intervento efficaci, a partire dalla stesura di raccomandazioni di livello nazionale e internazionale fino alla programmazione di azioni sistemiche e integrate. Negli ultimi anni nuovi paradigmi sono stati delineati, come la distinzione tra inattività fisica e comportamento sedentario, le modalità diverse di raggiungere una dose di attività fisica efficace per la salute, la necessità di considerare anche il sonno nella scansione quotidiana delle attività. L’esperienza nella realizzazione di interventi e nella loro valutazione ha condotto alla definizione di un approccio sistemico e globale nei piani di azione per la promozione dello stile di vita attivo, in particolare al lancio del Global Action Plan on Physical Activity 2018 – 2030 da parte dell’Organizzazione Mondiale della Salute, con l’individuazione di aree di sovrapposizione con altri obiettivi di salute pubblica e la connessione con gli obiettivi di sviluppo sostenibile previsti dall’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile. In questa prospettiva, le azioni in campo sono mirate a mettere in grado le persone di essere fisicamente attive nella loro vita quotidiana, a ridurre le disuguaglianze di salute (con particolare riferimento ai gruppi più svantaggiati, come le donne, persone con disabilità, strati della popolazione a più basso livello socioeconomico) e a migliorare la salute planetaria


Visualizza il file PDF






Società Editrice Universo s.r.l.
Via G.B.Morgagni, 1 - 00161 Roma - tel (06) 4402054 / (06) 44231171, (06) 64503500 fax (06) 4402033